Elezioni USA. Lo strano caso del voto il martedì

, Esteri

Ci sono delle ragioni storiche che spiegano il perché di questa scelta alternativa degli americani. L’Election Day cade il primo martedì del mese di novembre, in cui i cittadini americani votano in tutti gli stati con un sistema maggioritario, tranne per il Maine e il Nebraska, per i loro Grandi Elettori.

Storicamente, nel periodo tra il 1788 e il 1845, le elezioni negli stati si svolgevano in modo autonomo e non sincronizzato, unico vincolo era quello della conclusione entro il primo mercoledì di dicembre. Nel 1792 viene emanata una legge in cui si prescriveva di svolgere le votazioni nei 34 giorni precedenti a quella data. Questa legge si spiega per il fatto che la società era prevalentemente agricola e a novembre i raccolti terminavano perciò era il periodo congeniale per il andare alle urne. Il voto era ancora riservato agli uomini, bianchi e proprietari terrieri.

Nel 1845 il Congresso stabilì che il giorno ufficiale dell’elezione del Presidente degli Stati Uniti sarebbe stato il martedì dopo il primo lunedì di novembre, mese adatto per eventuali spostamenti. Il giorno venne scelto per esclusione in quanto non si potevano toccare i giorni di riposo e di preghiera ovvero il sabato e la domenica, non si poteva chiedere di votare di lunedì perché avrebbe richiesto ugualmente a molti di spostarsi di domenica e nemmeno il mercoledì andava bene perché giorno di mercato, mentre il giovedì e il venerdì erano giorni lavorativi in tutto e per tutto.

In tutto il resto del mondo si vota tradizionalmente di domenica, con poche eccezioni, come la Gran Bretagna in cui si vota di giovedì, perché il venerdì è giorno di paga, o l’India in cui si vota in diversi giorni, divisi in nove fasi, che interessano quasi un mese intero, invece in Norvegia si vota di lunedì e martedì, il primo giorno si stabiliscono il numero di seggi da assegnare a ciascuna lista e il secondo a chi assegnarli.

Oggi sembra che molti cittadini vogliano omologarsi al voto nel fine settimana, allora votare in questo giorno aveva un senso, attualmente non più.