Pandispagna, il vignettista de l’Universitario

Forse vi siete chiesti chi sia l’autore delle vignette che sono comparse negli ultimi numeri de l’Universitario. Leggendo la firma “Pandispagna”, magari avete poi ipotizzato che questo nome fosse frutto di un errore di battitura o di una svista di uno dei redattori e di conseguenza avete inferito che le vignette non fossero altro se non un “copia e incolla” dalle immagini di Google di un qualche quotidiano.

Se avete pensato tutto questo ecco, vi sbagliavate di grosso!

Pandispagna in arte e Giovanni Morghen nella realtà è il nostro vignettista riviano (ovvero di Riva del Garda), ha 21 anni e studia all’Accademia delle Belle arti di Bologna. Pandispagna ci racconta che la passione per il disegno è sempre stata per lui una costante; all’Istituto d’Arte Fortunato Depero di Rovereto ha poi scoperto, leggendo soprattutto Zerocalcare e Leo Ortolani (autore di Rat Man), la sua particolare propensione per la tecnica del fumetto. Così traendo ispirazione dalle sue letture, Pandispagna ha iniziato a sperimentare con grafite su foglio questo modo di espressione artistica.

«Soprattutto – ci dice Pandispagna – le prime vignette che producevo avevano la caratteristica di essere quasi delle autocritiche, o meglio fungevano da espedienti che mi erano utili per esorcizzare i conflitti e complessi adolescenziali che vivevo».

Questo modo di usare il fumetto rispecchia una caratteristica pregnante dello stesso Pandispagna, che ha saputo fare dell’ironia uno strumento per cogliere consapevolmente la realtà a tal punto da trasformare la tragicità in riso intelligente e critico. Ecco come si spiega la congiunzione tra la passione per il disegno e quella per la politica che Pandispagna ha voluto mixare. Con il risultato di usare la matita per fare della satira, ispirato, ci dice, dallo stile della Step Up Comedy e dalla comicità di Woody Allen a cui è molto affezionato.

Per scoprire Pandispagna ironico vignettista, critico intelligente e abile autocommiserazionista (come lui si descrive) e per poter vedere tutte le sue creazioni l’Universitario consiglia la sua pagina www.facebook.com/PandispagnaMorghen. Diffidando, come prontamente Pandispagna ci avvisa, dei risultati di ricerca che portano a pagine di ricette («realtà con cui sono ormai costretto a convivere»).