La mia malattia

 

Sei la mia luce. la mia malattia. Il sogno che faccio da sveglia, l’incubo peggiore e la salvezza. Sei il buio sei la notte sei il vuoto ad ogni mio respiro. Sei la quiete sei la rabbia sei la tempesta sei tutte le parole che non ho detto sei il sentiero che si cela dietro una porta che scelgo tra cento, mille migliaia di migliaia di porte. Sei la perdita sei la sventura sei il ricordo sei la speranza. Sei ciò che ho trovato dopo anni nascosto dietro uno scaffale polveroso sei la furia sei l’egoismo sei la gioia sei la sete di lacrime e la tempesta di carne. Sei tutto quello che ho sempre avuto davanti.

Sei la vita che si cela dietro ogni mio movimento.

Ogni mio sospiro.

Sei la mia prigione.

Sei la libertà di scegliere chi sono io.

 

 

 

 

 

Foto di Leonardo Bertoldi