Scaletta, il Comune impone la chiusura alle 23

La Scaletta dovrà cessare l’attività di somministrazione alle 22:30 e chiudere l’esercizio entro le 23:00 – garantendone anche lo sgombero. Questo è il messaggio che è comparso oggi alla porta del noto locale trentino, particolarmente frequentato dagli universitari. Il nuovo orario sarebbe stato imposto da una ordinanza comunale notificata al gestore in data 01/12/2017. Sono le prime conseguenze delle lamentele e denunce da parte dei cittadini che abitano nella zona che hanno caratterizzato gli scorsi mesi. Il locale dovrà quindi ridurre il proprio orario di attività e garantire il totale sgombero entro le 23:00, un orario che certamente danneggerà economicamente i gestori. La misura è per ora temporanea, il locale potrà riprendere il proprio orario abituale a partire dal 6 gennaio 2018 ma non si esclude che ulteriori provvedimenti potrebbero arrivare in futuro da parte dell’amministrazione comunale.

Si conferma quindi l’atteggiamento ostile dell’amministrazione comunale nei confronti degli esercizi commerciali che operano nel centro storico in orario notturno; atteggiamento che sta portando i gestori a “fuggire” dal centro causandone un progressivo svuotamento. Trento sarà probabilmente un città più tranquilla senza gli studenti fuori dai locali. Ma sarà anche una città vuota, e una città vuota non è una città sicura per il cittadino.

Michele Lussu

Nato a Belluno il 25 dicembre 1995, diplomato al liceo scientifico Galileo Galilei, studia attualmente giurisprudenza a Trento.

More Posts

Lascia un commento