Browse By

Buon 1994!

Un uomo entra nell’inquadratura di una tv. È dietro ad una scrivania e alle sue spalle vi è una libreria con una foto sulla destra. L’uomo sistema alcune cartelline, si siede e appoggia le braccia sul tavolo. “L’Italia è il paese che amo, qui ho le mie radici, le mie speranze, i miei orizzonti” pronuncia con tono solenne e al contempo amichevole. La telecamera zooma sul viso dell’oratore, mostra una smorfia di dolore, e poi scende velocemente sul completo e rivela una ferita all’altezza del costato. No, non è Silvio Berlusconi l’uomo sulla scena, ma Leonardo Notte.

Se 1992 si apriva con l’arresto del socialista Mario Chiesa e 1993 con la pioggia di monetine su Bettino Craxi davanti all’Hotel Raphael, l’ultima parte della trilogia non poteva che iniziare con il discorso di discesa in campo di Berlusconi.

È giunta all’ultimo “ciak” la straordinaria produzione di Sky ideata da Stefano Accorsi, in grado di coniugare realtà e finzione e di avvicinare molti ragazzi della nostra età, non solo italiani, all’epoca oscura di Tangentopoli (alla faccia di chi sostiene che le serie italiane sono tutte da buttare).

Se siete giunti a questo punto e non avete ancora visto gli episodi avete due possibilità: rinchiudervi subito nella vostra cameretta e recuperare le prime due puntate o andare avanti con l’articolo noncuranti degli spoiler. A voi la scelta. In ogni caso, buon 1994!

Rispetto a 1992 e 1993, le prime due puntate hanno dedicato più spazio ai singoli personaggi, senza tuttavia tralasciare gli avvenimenti storici, raccontati con straordinaria lucidità e senza rendere la figura del fondatore di Forza Italia (interpretato da Paolo Pierobon) una caricatura.

Dopo l’incipit un po’ “sorrentiniano” (che Accorsi se la sia presa a male perché il regista napoletano non l’ha convocato per Loro?), ritroviamo Leonardo Notte (Stefano Accorsi), resuscitato dai morti dopo il tentato omicidio, durante il dibattito tra Occhetto e Berlusconi alla trasmissione di Mentana, Braccio di Ferro. È il solito Leonardo Notte tormentato dai suoi demoni e dalle sue vecchie ambizioni, afflitto da attacchi d’ansia che può calmare solo con le pillole, ma deciso a realizzare il suo progetto, far vincere le elezioni al Cavaliere e conquistare ciò che ama persino più delle donne che gli girano attorno: il potere.

L’evoluzione del suo personaggio riguarda proprio questo aspetto, che lo fa allontanare una volta per tutte dalla sua parte luminosa e morale per farlo diventare un uomo dell’ombra, immorale e libero di fare ciò che vuole (“A me non me ne frega un cazzo di fare il ministro, io li voglio decidere i ministri”).

Quella del personaggio di Veronica Castello (Miriam Leone) sarà invece una trasformazione in senso contrario. Da amante di diversi uomini politici e imprenditori milanesi ad aspirante Lorella Cuccarini, è riuscita finalmente a diventare una parlamentare e ha scorto nel potere la sua parte nobile; allo stesso tempo, tuttavia, si trova sempre sull’orlo del precipizio da cui vede la sua parte sgradevole, ambigua e soffocante, la stessa che le ha permesso di arrivare fino alla sua posizione. Per Veronica il potere è uno strumento che le ha permesso di essere amata e di sentirsi realizzata. La volontà di far approvare ad ogni costo il disegno di legge contro le molestie sessuali è un modo di riabilitazione della sua figura, più che una rivendicazione consapevolmente femminista.

È così dunque che si è aperto questo anno della Restaurazione, con la rappresentazione di due personaggi che non si possono né amare, né odiare, ma al massimo si possono compatire (nell’accezione latina del termine): perché in fondo Leonardo Notte e Veronica Castello siamo anche noi, né cattivi, né buoni, idealisti e disillusi allo stesso tempo, assetati di potere e spaventati da questo allo stesso tempo, così disperatamente italiani.

Erica Turchet

Studentessa di Studi internazionali presso l'università di Trento

More Posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi