Browse By

Diamo una seconda possibilità alla televisione

di Elisa Poletti e Fabio Bulgarini

Se ormai neanche la voce di Alessandro Borghese che domanda: “Ristoratori, quanto abbiamo speso?” riesce a regalarvi una soddisfazione, non perdete fiducia nella buona vecchia televisione, che in questo week end vi terrà compagnia con film e documentari imperdibili. Durante la quarantena ormai i giorni sembrano aver perso la loro identità e ci appaiono tutti uguali, ma la settimana che si sta per concludere, simile alla precedente e con ogni probabilità identica alla prossima, accoglie due ricorrenze importanti: la Giornata Mondiale della Terra e la Festa della Liberazione. Su questa linea vi proponiamo una serie di appuntamenti televisivi da non perdere, che perché no, fra arte, teatro e cultura, vi regaleranno anche uno spunto di riflessione. Non disperate dunque, un’alternativa a “Live, non è la D’Urso”, c’è sempre!

VENERDÌ 24 APRILE – ORE 21.16 su RAI 5 (Canale 23 del DT)

“Art Night”

Per gli amanti dell’arte, ogni venerdì Rai5 regala Art Night, una serie di documentari dedicati all’arte in tutte le sue declinazioni. Dalla pittura alla scultura, dalla fotografia all’architettura, ogni settimana la voce di artisti ed esperti internazionali, vi guiderà in un viaggio da non perdere. Questo venerdì, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, Pinuccio Sciola spiegherà come gli artisti contemporanei si sono posti di fronte alla natura e ai cambiamenti climatici. Il famoso scultore racconterà poi come prendono vita le sue opere, realizzate con pietre sonore.

VENERDI’ 24 APRILE – ORE 21.15 Tv2000

Ritratto di famiglia con tempesta – di Hirokazu Koreeda

Ebbene sì, una insospettabile Tv2000 propone un gioiellino cinematografico del 2017 direttamente dal paese del Sol Levante. Il film in questione è Ritratto di famiglia con tempesta, un altro incredibile quadro dell’accurato ritrattista giapponese Hirokazu Koreeda, che si avvale della bella fotografia di Yutaka Yamazaki per dipingere la storia di uno scrittore in crisi con la propria creatività e con i propri affetti. Riavvicinarsi alla sua famiglia non sarà impresa facile, ma ad aiutare il maldestro Ryota (Hiroshi Abe) è madre natura, che crea le condizioni perché la famiglia si riunisca tutta nella casa della madre di lui, per trovare riparo da un uragano che si abbatte sulla città. Il regista giapponese, Palma d’oro di Cannes nel 2018 per il suo più noto “Affare di famiglia”, ci offre l’occasione di riflettere con intelligenza sulla fragilità dei legami famigliari e sulle inaspettate risorse che la convivenza di necessità può offrire. In altri termini, pare un regalo di Tv2000 per proporci nuove prospettive sulle nostre reclusioni forzate ai tempi del Covid-19.

SABATO 25 APRILE – ORE 01.15 RaiMovie

I racconti di Canterbury – di Pier Paolo Pasolini

Mai come in questi giorni abbiamo bisogno di vitalità, freschezza ed allegria. Aspettate un momento: Pasolini allegro e fresco? Prima di storcere il naso, dategli una possibilità: il genio pasoliniano non è solo quello del “Vangelo di Matteo”, dell’ “Edipo Re” o di “Salò o le 120 giornate di Sodoma”, ma è anche quello della cosiddetta Trilogia della vita, di cui “I racconti di Canterbury” del 1972 costituisce il secondo capitolo, preceduto da “Il Decameron” e seguito da “Il fiore delle mille e una notte”. Liberamente ispirato al capolavoro trecentesco di Geoffrey Chaucer, “I racconti di Canterbury” è un vero e proprio inno alla giovialità, al divertimento, ai giochi amorosi di giovani amanti che si rincorrono nei giardini inglesi senza timore di mostrare le proprie nudità. Per chi non riesce ad addormentarsi prima delle tre e ha voglia di sperimentare un bel sogno ad occhi aperti prima di crollare all’alba, questo Pasolini può essere la risposta, provare per credere.

SABATO 25 APRILE – ORE 21:10 su RAI MOVIE (Canale 24 del DT)

La notte di San Lorenzo

È il momento di sfatare un altro mito: un film italiano degli anni ‘80, come La notte di San Lorenzo, con il suo montaggio troppo lento per i nostri occhi frenetici, la narrazione con cadenza quasi ridondante, la recitazione stessa, sembra essere stato pensato apposta per abbassare la nostra soglia di attenzione a quella di un criceto. Questa pellicola vi farà però ricredere. Speriamo che anche questa settimana abbiate aggiunto i fazzoletti alla vostra lista della spesa, perché questo film non potrà che emozionarvi. È il 1944 e i tedeschi sono arrivati in Toscana. Gli abitanti del piccolo paese di San Miniato vengono radunati dal parroco per essere evacuati, ma tutto si complica quando una parte della comunità preferisce la fuga e la libertà. Un film corale, a tratti poetico. Capolavoro dei fratelli Taviani, è stato premiato al Festival di Cannes del 1982, oltre ad aver ricevuto due Nastri d’Argento e cinque David di Donatello.

Vi segnaliamo anche su Rai Storia, alle 21:10, la pellicola “I fratelli Cervi”, toccante narrazione delle vicende dei sette fratelli emiliani, componenti della famosa “Banda Cervi”, attiva nella resistenza contro i tedeschi ed i fascisti.

SABATO 25 APRILE – ORE 21.25 Rete4

La ciociara – di Vittorio De Sica

Adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Moravia, “La ciociara” dagli anni Sessanta è un evergreen che Rete4 ha deciso di proporci nella ricorrenza del 65esimo anniversario della Liberazione. La storia è nota: la giovane vedova Cesira (l’oscar come migliore attrice protagonista Sophia Loren) con la figlia Rosetta (Eleonora Brown) decidono di trasferisti da Roma nella periferia della città latina di Fondi, dove cercano riparo dai pericoli della guerra. Qui le due troveranno amici, amori controversi, e pericoli continui, fino al tragico incontro con un contingente marocchino dell’esercito francese, che segnerà la vita delle due eroine. Uno dei più importanti film del panorama cinematografico internazionale, “La ciociara” rappresenta un’ottima occasione per celebrare, da casa, le tribolazioni di due giovani donne alle prese con qualcosa di enorme come la guerra.

SABATO 25 APRILE – ORE 21.15 Rai5

Radio Clandestina – di Ascanio Celestini

Ascanio Celestini avrebbe dovuto portare sul palco del Piccolo Teatro Grassi il suo “Radio Clandestina” tra il 21 e il 27 aprile a Milano. Va da sé che nessuno andrà a vederlo. Mamma Rai però ha deciso di darci comunque la possibilità di assistere, comodamente sprofondati nel nostro divano, al bel monologo che Celestini dedica alla strage delle fosse ardeatine. Interpretando le testimonianze dirette raccolte nel libro del 1999 “L’ordine è già stato eseguito” di Alessandro Portelli, con “Radio Clandestina” Celestini calca i palcoscenici da diversi anni ormai, senza per questo aver perso grinta e vigore. Per chi di voi è nostalgico del teatro, questa è un’ottima occasione per farsi trasportare in una bella narrazione teatrale, con cui ricordare non tanto la fine di una guerra, ma gli orrori di cui si è fatta autrice. In assenza di una vera e propria Casa del Teatro in cui recarsi, conviene far entrare il teatro nelle proprie case, poco male se attraverso il tubo catodico delle nostre TV.

Questo sabato è dunque la festa della Liberazione, e se il riferimento storico è alla Seconda Guerra Mondiale, è bello anche estendere questa ricorrenza, trasformandola in un inno alla Libertà, nella sua totalità. A tal proposito in questa serata vi proponiamo due emozionanti capolavori.

 SABATO 25 APRILE – ORE 21:10 su PARAMOUNT NETWORK (Canale 27 del DT)

La lunga strada verso casa

Whoopi Golberg nei panni di una vittima della segregazione razziale americana. Soltanto questo potrebbe bastare a descrivere la potenza del film. Soltanto questo dovrebbe bastare a far capire la potenza del film.

Odessa, domestica di colore nell’Alabama del 1955, lavora presso la casa della borghese Miriam. In città insorge la preoccupazione per l’uso condiviso dei mezzi pubblici tra bianchi e neri, che porta al divieto di utilizzo per questi ultimi. Odessa, costretta a tornare a casa dal lavoro a piedi, viene una sera accompagnata in auto da Miriam. Gli sviluppi di questa piccola azione saranno incredibili: la donna istituirà un servizio taxi per altre lavoratrici di colore della città, contribuendo col suo gesto all’approvazione della legge del 20 Dicembre 1956, grazie alla quale tutta la popolazione di colore riuscirà ad ottenere finalmente il permesso di utilizzo dei mezzi pubblici.

VENERDÌ 24 APRILE – ORE 23.10 su RAI MOVIE (Canale 24 del DT)

Selma – La strada per la libertà

Emozionante film sul percorso intrapreso da Martin Luther King e da tutta la comunità americana di colore, per arrivare al diritto di voto. Uno sguardo delicato ed attento ad uno degli eventi più significativi della lotta di King: la marcia pacifica, una delle tre da lui organizzate, nel 1956 dalla cittadina di Selma in Alabama, verso Montgomery. La celebre Selma ha fatto da scenario a uno dei discorsi sui diritti dell’uomo più importanti per il nostro tempo. A distanza di 50 anni da quell’evento Ava DuVernay ci regala una toccante testimonianza di solidarietà e lotta personale, verso ciò che è giusto.

DOMENICA 26 APRILE – ORE 16.04 su IRIS (Canale 22 del DT)

Prova a prendermi

Chiudiamo infine la nostra carrellata con un classicone: Prova a prendermi. Dal genio di Steven Spielberg e con un cast stellare, fra cui spiccano Leonardo DiCaprio e Tom Hanks, questo giallo vi terrà con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo. Un giovane artista del travestimento, ricercato dall’FBI, è riuscito ad estorcere più di sei milioni di dollari in diverse frodi, impersonando di volta in volta un personaggio differente. Spielberg riesce a centrare perfettamente l’obiettivo e in maniera divertente tratta il tema molto delicato della ricerca della propria identità.

Se tutto questo non vi ha ancora convinto, trovate il palinsesto completo delle prossime programmazioni su tivu.tv e staseraintv.com

Buona visione!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi