Browse By

S.O.S. universitari fuori sede: mascherine chirurgiche e dove trovarle

Oltre 1600 studenti fuori sede dell’Università trentina sono rimasti a Trento, per volontà o per necessità. Come noto, il comune di Trento sin dall’inizio dell’emergenza si è mobilitato per organizzare la distribuzione delle mascherine ai residenti, divenute di fatto obbligatorie con l’ordinanza firmata il 6 aprile dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. C’è solo un piccolo problema: molti degli universitari fuori sede non hanno la residenza nel comune di Trento, e non risultano dunque nei registri comunali.

L’INIZIATIVA

Il presidente della Consulta degli studenti Andrea Santoni, rappresentante dell’organo di mediazione tra gli studenti e il comune di Trento, da circa due settimane ha imbastito un’efficace organizzazione di volontari che si stanno occupando di far pervenire le mascherine anche agli studenti universitari fuori sede ancora presenti a Trento.

«In questa situazione emergenziale» dichiara Andrea «gli studenti fuori sede rappresentano una delle frange più fragili all’interno del territorio trentino». Fare in modo di recapitare alla popolazione universitaria fuorisede le mascherine necessarie per poter uscire di casa e svolgere le commissioni essenziali in totale sicurezza rappresenta un aiuto concreto in questa contingenza straordinaria. L’idea che sta alla base di questa iniziativa non è solo quella di prestare un soccorso a persone che probabilmente il comune di Trento, da solo, non sarebbe riuscito ad aiutare efficacemente. Si tratta di voler equiparare, nei fatti, gli studenti universitari trentini ai residenti del comune di Trento, in modo che essi possano godere dei medesimi diritti, a partire dal diritto a ricevere una mascherina chirurgica in questo periodo di emergenza sanitaria. La rappresentanza universitaria ha subito accolto con favore la proposta di Andrea Santoni e il Comune si è dimostrato, nelle parole del presidente della Consulta «Disponibile, attento e rapido nel soddisfare le nostre richieste».

Dalle parole si è dunque potuti passare subito all’azione: il 9 aprile è stata inviata a tutti gli studenti dell’Università di Trento, sull’indirizzo di posta elettronica istituzionale, una e-mail in cui il Consiglio degli Studenti segnalava alcune informazioni generali relative alla nuova situazione emergenziale nella città di Trento, ma in cui soprattutto si indicava un Google Form da compilare con i propri dati per richiedere la consegna di una mascherina.

Nel week-end è stato boom di richieste: si sono superate le 900 domande. Allestita una task-force di 11 volontari, si è partiti con una consegna lampo del materiale: 1600 mascherine sono state consegnate in meno di quattro giorni. Non tutto è andato liscio ovviamente, alcuni fisiologici problemi di logistica si sono verificati, ma alla fine tutte le mascherine messe a disposizione dal Comune di Trento sono state consegnate.

La squadra di riders, costituita ad hoc per soddisfare le numerose richieste, è trasversale e coinvolge alcune delle principali associazioni studentesche dell’Università di Trento: UNITiN, UDU e AIESEC.

Alberto Fallucca (rappresentante in Consulta e rappresentante nel CdA dell’ Opera Universiatria), Alberto Mengo (rappresentante in CdS), Andrea Fabbri (rappresentante in CdS), Andrea Santoni (presidente della Consulta), Benedetta Barbieri (rappresentante in Consulta), Edoardo Meneghini (presidente del CdS, membro della Consulta e membro del CdA dell’Università), Giacomo Gallo (rappresentante del CdA dell’Opera Universitaria, rappresentante in Consulta), Matteo Carletti (rappresentante in CdS), Mauro Giordano (delegato alla didattica in CdS), Shoichi Yip (rappresentante in CdS e in Consulta), Petra Zatelli (rappresentante in Consulta): è grazie agli sforzi di questi rappresentanti degli studenti dell’Università di Trento che anche i fuori sede potranno usufruire della distribuzione gratuita delle mascherine chirurgiche necessarie ad affrontare l’emergenza Covid-19.

Attraverso il coordinamento di Andrea Santoni si è riuscito inoltre a far fronte anche alle richieste degli studenti fuori sede di Rovereto, S. Michele, Lavis e Pergine, grazie anche alla collaborazione in loco dei Vigili del Fuoco e delle rispettive amministrazioni comunali.

COME E QUANDO OTTENERE LE MASCHERINE

A chi non avesse usufruito della distribuzione nella prima parte del mese di aprile, o a chi avrà bisogno di altre mascherine per le prossime settimane, si segnala che certamente avverrà una seconda ondata di distribuzione di mascherine agli studenti fuori sede. Coloro che hanno già fatto richiesta per le mascherine attraverso il Google Form inviato nella e-mail del 9 aprile NON DOVRANNO RINNOVARE LA RICHIESTA, che verrà automaticamente presa in considerazione.

Sì potrà fare richiesta per la seconda ondata di distribuzione delle mascherine a partire dal 30 aprile: coloro che, per qualsiasi motivo, non hanno già fatto richiesta in precedenza, NON DOVRANNO COMPILARE ALCUN FORMAT, ma dovranno scrivere una e-mail all’indirizzo andrea.santoni-2@studenti.unitn.it in cui indicono i loro dati: nome, cognome, comune e indirizzo di residenza, numero di persone in coabitazione.

Nel caso, frequente, in cui un appartamento sia abitato da più studenti universitari, il richiedente con un unico modulo può richiedere la quantità di mascherine corrispondenti al numero di inquilini dell’appartamento (vedi la voce nel form “persone in coabitazione”; Si noti che, alla voce “persone in coabitazione” è necessario indicare il numero complessivo degli inquilini dell’appartamento per cui si fa richiesto, comprensivo dunque anche di chi sta compilando la domanda).

I ragazzi incaricati della consegna, muniti degli essenziali presidi medico-sanitari, recapiteranno le mascherine all’indirizzo indicato nel form online dal richiedente, accertandosi che sia a conoscenza dell’avvenuta consegna. Per qualsiasi problema nel reperimento dell’indirizzo indicato, il richiedente verrà contattato via e-mail o contattato telefonicamente. Per maggiori informazioni, o per qualsiasi problema relativo alla compilazione del form online o alla consegna delle mascherine, contattate Andrea Santoni al’indirizzo e-mail andrea.santoni-2@studenti.unitn.it.

Fabio Bulgarini

Studente magistrale di Filosofia all'Università di Trento; interessato di islamistica, storia della filosofia medievale e religionistica.

More Posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi