Browse By

Diamo una seconda possibilità alla televisione

Qualcuno di noi questo sabato sera potrà uscire, muoversi, fare una passeggiata sul Lungadige e provare l’emozione delle prime punture di zanzara, lo scotto da pagare per potersi godere una passeggiata primaverile sotto le frasche dei vialetti che costeggiano il fiume. Se però anche voi, come chi scrive, sarete costretti a rimanere a casa, non perdetevi d’animo: la TV non ci abbandona mai, e in questo week-end ci propone alcuni Cult da veri intenditori!

RIO, sabato alle 21.30 su Italia Uno (6 DTT)

Per quei pochi che in questi giorni non hanno provato il mese gratuito di Disney+, ma hanno comunque voglia di animazione di qualità, Rio rappresenta sicuramente una splendida risposta. Il lungometraggio animato, nato dalla fantasia del geniale autore de L’Era Glaciale, ci porta in un coloratissimo Brasile, pieno dei volatili più rari e straordinari che si possano avvistare nel Polmone Verde del mondo: Are, Tucani, Cacatua, Cardinali, Canarini sudamericani e molte altre creature che popolano la foresta brasiliana. Gli appassionati di documentari sugli animali scopriranno con piacere che non tutte le animazioni dei protagonisti alati di questo squisito lungometraggio sono frutto della sola fantasia dei loro disegnatori.

IL RICATTO (GRAND PIANO), sabato alle 21.00 su IRIS (21 DTT)

Un thriller davvero originale, firmato Eugenio Mira, pupillo di Guillelmo del Toro. Candidato nel 2015 ai Saturn Awards come miglior film indipendente, dimostra sicuramente una padronanza della fotografia e del montaggio sonoro straordinarie. Il ricatto é un breve thriller in cui Tom (Elijah Wood), pianista di fama internazionale, si esibisce per la prima volta dopo cinque anni in un concerto per piano con orchestra, in cui eseguirà alcuni tra i suoi cavalli di battaglia. Quando però apre lo spartito, oltre alle note, in pennarello rosso sono scritte alcune indicazioni che sarà tenuto a seguire durante la sua esecuzione. Pena la morte.

LA ISLA MÍNIMA, sabato alle 23.00 su RAI 4 (22 DDT)

Rimaniamo sempre in ambito ispanico, con il cult del regista spagnolo Alberto Rodrìguez Librero, che con questa pellicola si è conquistato ben dieci Premi Goya, tra cui quelli come miglior film e miglior regia. Si tratta di un giallo ambientato durante lo scioglimento del regime franchista. Pedro e Juan, due poliziotti madrileni vengono inviati in Andalusia per lavorare al caso di due ragazze misteriosamente scomparse. Il clima è quello della fragilità politica tipica degli anni di democratizzazione spagnola, i colori e i suoni sono quelli di un’inedita Andalusia, ritratta con la sapienza e la maestria che solo un regista spagnolo nato e cresciuto nella terra andalusa poteva mostrare.

INCONTRERAI L’UOMO DEI TUOI SOGNI, domenica alle 3.00 su IRIS (21 DTT)

È di nuovo Woody Allen ad accompagnarci nelle nostre notti insonni, con una pellicola spesso poco considerata (a torto o a ragione starà a voi stabilirlo), presentata fuori concorso nel 2010 al 63° festival del cinema di Cannes e che conta un cast davvero eccezionale: sir Anthony Hopkins, Gemma Johns, Naomi Watts, Josh Brolin, Antonio Banderas, Freida Pinto per limitarci ai nomi più noti. Come talvolta ama fare, anche in questa pellicola il regista newyorkese sceglie di dipingere tragicomici quadri di famiglie in crisi: la storia è ambientata nella Londra del terzo millennio, dove l’ormai non più giovane Alfie (Anthony Hopkins) decide di dedicare il resto della propria vita alle attenzioni di una giovane squillo (Lucy Punch), trascurando quel che rimane del proprio matrimonio con Helena (Gemma Jones), che disperata si affida ai discutibili consigli di una pretesa veggente. Nel frattempo, Sally, la figlia dell’anziana coppia, cerca di barcamenarsi tra il proprio fallimentare matrimonio con Roy (Josh Brolin) e la passione per un nuovo arrivato, Greg (Antonio Banderas).

EASY RIDER, domenica alle 3.20 su RAI MOVIE (24 DTT)

Tarda notte può essere difficile da affrontare per chi soffre di insonnia, ma se avete di questi problemi Rai Movie può fornire un ottimo palliativo: Easy Rider. Il capolavoro diretto e interpretato da Dennis Hopper, con Peter Fonda e un giovanissimo Jack Nicholson, non vi farà pentire di essere stati svegli fino alle 5  del mattino a godervi questa pellicola unica nel suo genere. Easy Rider, del 1969, è il film on the road per antonomasia, e ancora nessun regista è riuscito ad eguagliarlo nel modo unico e davvero eccezionale che ha di raccontare l’inquietudine degli statunitensi negli anni Sessanta. Ad oggi rimane uno dei più efficaci e meno retorici manifesti di quello che è stato il Sessantotto negli USA. Da vedere, assolutamente. Anche alle tre di notte. Soprattutto alle tre di notte.

MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO, domenica alle 21.00 su IRIS (21 DTT)

Ambientato nella New York appena precedente all’attentato alle Torri Gemelle, Molto forte, incredibilmente vicino è dedicata al rapporto tra un bambino e suo padre. L’11 settembre Oskar (Thomas Schell) viene mandato a casa anzi tempo insieme a tutti i suoi compagni di classe. Le Torri Gemelle sono state colpite. Una volta arrivato a casa, Oskar ascolta i messaggi che la segreteria telefonica ha registrato negli ultimi minuti: la voce è quella di suo padre Thomas (Tom Hanks), che dal World Trade Center invia gli ultimi messaggi di addio a sua moglie, prima dell’inevitabile fine. In quello che ricorderà come il “giorno peggiore”, Oskar perderà il padre. I rapporti con la madre andranno peggiorando. In compenso scoprirà una complicità con la nonna materna e con uno strano vecchierello, diventato muto in seguito a un trauma infantile. L’ultimo vero messaggio che Thomas lascia al proprio figlio è quello di una caccia al tesoro che il bambino dovrà compiere percorrendo tutti i quartieri di New York. Si tratta di una pellicola dolce e potente, per nulla retorica, ma genuina: insomma, datele un’occasione, non ve ne pentirete!

LA 25a ORA, lunedì all’ 1.00 su la7 (7 DTT)

Rimaniamo in tema con uno dei grandi cult targati Spike Lee e tra i primi film ad essere girati nella New York di Ground Zero, dopo l’attacco alle Twin Towers dell’11 settembre del 2001. Della Grande Mela, nervosa e provata duramente dall’attacco terroristico da poco avvenuto, Spike riesce a restituire le sfumature più interessanti, attraverso la narrazione della storia di Monty (Edward Norton), e dei suoi amici – tra cui spicca il nome del compianto Philipp Seymour Hoffman nel ruolo dell’amico Jacob. Monty viene condannato per spaccio di eroina e deve fare i conti con gli anni che passerà in prigione. Il film racconta l’ultimo giorno di libertà di Monty, che sul finire della notte si avvia con il padre, in macchina, alla ricerca di un’ultima, onirica, ora di libertà, in cui godere di un’inesistente ed eterna 25a ora.

THE HEICHMANN SHOW – IL PROCESSO DEL SECOLO, domenica alle 23.00 su Rai5 (23 DTT)

Un lungometraggio davvero curioso sui retroscena della regia che catturò le immagini del processo di uno dei più famosi nazisti condannati dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale: Adolf Eichmann. La regia delle riprese fu affidata al controverso regista statunitense Leo Hurwitz (Anthony LaPaglia), che – incuriosito come molti (non da ultima la filosofa Hannah Arendt) dall’imperturbabilità del criminale nazista, accusato dallo stesso Stato di Israele per gli orrori della guerra – concede troppi primi piani ad Eichmann, con il rischio di provocare più di qualche problema al produttore Milton Fruchtman (Martin Freeman).

BIG EYES, domenica alle 23.05 su RAI MOVIE (24 DTT)

Uno degli ultimi sforzi del noto regista statunitense Tim Burton, una pellicola che ha regalato diversi premi internazionali ai propri interpreti, tra cui vale la pena ricordare il Golden Globe come miglior attrice in un film o commedia musicale ad Amy Adams. Big Eyes è un biopic dell’artista Peggy Doris Hawkins, pittrice degli anni Cinquanta, che in seguito al matrimonio con Walter Keane prenderà il nome di Margaret Keane e con questo cognome firmerà i propri quadri. La storia è quella nota, di un mondo velato di maschilismo che non fatica a riconoscere nella mano del marito di lei, Walter Keane (Christoph Waltz), il lavoro della pittrice (Amy Adams), dei cui quadri – caratterizzati da soggetti i cui occhi sono più grandi rispetto alle proporzioni del resto del corpo – egli si appropria indebitamente, spacciandoli per suoi. La situazione inizialmente appare gestibile, finché la coppia non esplode: Peggy/Margaret vuole che le sia riconosciuta la maternità dei suoi dipinti. Il marito non ci sta, e la questione viene portata davanti a un tribunale, che deciderà di far eseguire una quadro ad entrambi per stabilire, una volta per tutte, di chi sia la mano dietro ai “mad eyes”  delle opere firmate “Keane”.

SHERLOCK HOLMES, lunedì alle ore 21.04 su 20 (20 DTT)

L’ispettore più famoso del grande e piccolo schermo torna con un’avvincente avventura che vede due straordinari Robert Downey Jr. nei panni di Holmes e Jude Law nei panni del partner Watson, alle prese con Blackwood. L’uomo, accusato dell’uccisione di numerose donne a seguito di sinistri riti di magia nera, verrà processato dopo essere stato catturato dalla famosissima coppia di detective. In questa pellicola del 2009, Guy Ritchie riesce a mettere in primo piano le dinamiche fra Watson e Holmes in modo sorprendentemente vero, regalando una delle versioni cinematografiche più apprezzate del celebre romanzo di Arthur Conan Doyle.

LEMONY SNICKET – UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI, lunedì ore 21.30 su SPIKE (DTT 49)

Per tutti gli amanti del fantasy le bizzarre avventure ideate da Lemony Snicket sono imperdibili, e siete appassionati dell’omonima serie TV in onda su Netflix, non potrete non adorare questa pellicola di Brad Simberling, dove vi conquisteranno l’accurata fotografia e la colonna sonora ideata da Thomas Newman.
Il protagonista è un sontuoso Jim Carrey, geniale nella sua versione tragicomica del conte Olaf, che noi tutti siamo abituati a vedere interpretato dall’ormai conosciuto Neil Patrick Harris (scusate, non era mia intenzione riportare alla vostra mente il trauma del finale di How I meet your mother, anche per me è una ferita ancora aperta).
La celebre storia è quella dei tre fratellini Baudelaire, rimasti orfani a seguito di un incendio, adottati dal conte Olaf, in costante fuga da un diabolico furfante che mira alle loro ricchezze e che li perseguita senza tregua.

STILL ALICE, martedì alle ore 21.30 su RAI MOVIE (DTT 24)

Immancabile per questa rubrica un film strappalacrime. Per gli amanti, come me, del drama, questo film non vi deluderà.
Il tema trattato è molto delicato e il modo con cui Richard Gratzer lo introduce, regala allo spettatore un sentimento di empatia verso la protagonista, Julianne Moore, molto profondo.
Alice, moglie, madre e insegnante all’università, durante una lezione scorda metà della frase che avrebbe dovuto pronunciare e in un secondo momento, mentre fa jogging attorno al campus, perde completamente conoscenza. In un attimo, la consapevolezza che la sua vita sta irrimediabilmente cambiando la sopraffà e la lascia sconcertata.
Una storia di fragilità e di coraggio, che tocca tutte le sfaccettature del sopraggiungere della malattia di Alzheimer.

LA DOLCE VITA, mercoledì ore 21.10 su RAI MOVIE (DTT 24)

Non si può dire di essere veramente italiani se almeno una volta nella vita non si è visto “La dolce vita” di Fellini. Qualsiasi aggettivo riguardo all’iconica pellicola risulta riduttivo.
Impossibile, anche per chi di cinema italiano non se ne intende, non aver mai sentito almeno una volta nominare questo capolavoro. Perché di un capolavoro si tratta.
Marcello Mastroianni è nei panni di un giornalista di scoop, aspirante scrittore di romanzi, che attraverso i suoi occhi racconta la vita mondana della Roma degli anni ’60. Marcello accetterà di seguire per il giornale Sylvia, la famosissima Anita Ekberg, bellissima stella hollywoodiana per cui perderà la testa.
Se leggendo questa breve recensione non è risuonata nella vostra mente la voce di Anita Ekberg che con il suo accento americano urla “Marcello!” facendo il bagno nella Fontana di Trevi, significa che dovete proprio chiedere ammenda per i vostri peccati. La possibilità per redimervi la trovate mercoledì in prima serata, su Rai Movie!

THE 33, mercoledì ore 22.56 su IRIS (DTT 22)

La straordinaria pellicola racconta l’incredibile e miracolosa storia vera dei 33 minatori cileni rimasti intrappolati sottoterra nella miniera di San Josè in Cile, per 69 giorni, sperimentando l’isolamento completo e temperature di quasi 40 gradi. Il protagonista di questa storia, Sepulveda, interpretato da un toccante Antonio Banderas, riesce poi a pubblicare una serie di video log, girati per assicurare che tutti i minatori fossero ancora vivi, mentre coraggiosamente sopportavano una lunga agonia, protrattasi dal 5 agosto al 13 ottobre 2010. Le storie di questi lavoratori si intrecciano fra le pieghe di una tragica avventura, che vi lascerà incollati allo schermo dall’inizio alla fine!

Se questi consigli non vi sono piaciuti, o non vi hanno soddisfatto del tutto, il palinsesto TV del fine settimana è disponibile al sito tivu.tv, buona visione!

Fabio Bulgarini

Elisa Poletti

Fabio Bulgarini

Studente magistrale di Filosofia all'Università di Trento; interessato di islamistica, storia della filosofia medievale e religionistica.

More Posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi