Browse By

L’UniversiTrash – La follia dietro il web

di NonSonoIo

Tutti abbiamo provato, almeno una volta nella vita, uno strano e nauseante sentimento di noia. Quello di cui sto parlando non si limita ad un’avversione per la routine, ma in qualche modo avvolge tutte le dimensioni in cui siamo immersi, sfere emotive ed aspettative comprese. Le scienze e le leggi fisiche sembrano averci spiegato tutto del mondo, la razionalità umana punta la sua fredda luce bianca su quello che ancora resta da chiarire e ci sembra che, in qualche modo, ben presto lo farà. Pare quasi che non ci sia più nulla da scoprire, che ormai anche il procedere storico non possa fare altro che ripiegarsi su sé stesso come in un eterno ritorno nietzschiano. Come qualcuno alla fermata che, mentre stiamo aspettando il bus, declama a voce alta il finale della serie che stiamo guardando – con quale entusiasmo continuiamo a guardarla? Ci sembra tutto già visto, certo, scontato, prestabilito… Sappiamo che, se lasciamo cadere il bicchiere di vetro che stringiamo in mano, questo non è che fluttuerà in aria, ma cadrà a terra e si romperà. Se invece si trattasse, anziché di un bicchiere, di una fetta biscottata spalmata di Nutella, questa cadrebbe sul pavimento, sempre sul lato spalmato di crema – ce lo dice la legge di Murphy. Allo stesso modo, sappiamo che alle 7.05 del lunedì partirà dal binario 2 il treno per Verona. Ah, no aspetta, sarà sicuramente 10 minuti in ritardo, ce lo dice Trenitalia. Ok, forse questo esempio non calza per esprimere quello che intendo dire… Provo con qualcosa di più elementare. Ecco, siamo certi per esempio che la Terra è una sfera che ogni giorno ruoterà sul suo asse… Oddio… Non è che sia poi così convinta che la Terra sia veramente una sfera. L’ho visto l’altro giorno in un video su Youtube… In effetti a pensarci bene, non è tutto poi così chiaro e determinato. Forse c’è ancora la speranza di stupirci, di lasciarci coinvolgere da qualcosa di mai visto, a noi assolutamente sconosciuto, con la curiosità di quando eravamo bambini.

Ci sarà ancora spazio per un libero arbitrio che abbiamo rosicato ad un Dio troppo determinista? Io credo, come abbiamo sentito dire molte volte, che la bellezza ci salverà e che il mondo è bello perché è vario. O meglio ancora, il mondo è bello perché nonsense.

Dove mai potremo trovare cotanta bellezza se non attraverso la più grande invenzione umana, internet? Quale fonte di stupore quotidiano è questo concentrato di umanità! Viste le premesse cui sopra, condividendo con voi la passione per il trash, per la demenzialità ed alcune altre cose, tenterò di suggerirvi le stranezze ed i contenuti dell’altro lato della rete che incontro nella mia navigazione quotidiana, affinché anche voi possiate scaldarvi a questo piccolo barlume di ciò che alla fine non è che creatività e genialità umana. Buona lettura follettini e follettine!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi