Rassegna Stampa estiva del Trentino (30 giugno – 5 luglio)

Nella rassegna stampa, in ordine cronologico, sono segnate

– in verde le notizie di panorama locale

– in giallo quelle che riguardano l’istruzione

– in azzurro quelle che riguardano gli studenti e la vita studentesca nello specifico

Questa rassegna stampa è pensata per tutti gli studenti che, volenti e nolenti, nei mesi di giugno e luglio sono bloccati nella tridentina Provincia autonoma, la quale brucia come l’inferno. I tempi sono dilatati, ma molti non riescono ad arrivare da casa all’aula studio o al bar. Non temete, vi terremo al passo con aggiornamenti di volata – se vorrete approfondire le notizie, troverete nome della testata e giorno di pubblicazione.

________________________________________________________

Sardagna, la discarica fa paura 

La società Sativa propone di riutilizzare l’ex cava di Sardagna come discarica e riempirla con 1 milione e 220 mila tonnellate di rifiuti inertin.d.r. insieme di scarti da costruzione o demolizione che non è possibile riutilizzare e riciclare nel corso del tempo, di conseguenza sono costretti ad accumularsi nell’ambiente. Nel 2009, ricorda nell’intervista il Comitato Sos Sardagna, la già discarica era stata sequestrata dalla Procura dopo il rinvenimento, nei rifiuti inerti conferiti, di varie sostanze chimiche in concentrazione non permessa dalla legge . Dal 2009 a oggi la bonifica della zona non sarebbe ancora avvenuta. La Procura di Trento starebbe inoltre indagando, dal 2018, sulle modalità di rilascio delle valutazioni positive sul conferimento di rifiuti.

Gigi Zoppello | l’Adige, 30 giugno 2019

Acqua, i sindaci chiudono i rubinetti

Arrivano in Trentino le prime ordinanze preventive che vietano l’uso non domestico di acqua. Nel frattempo emergono i problemi di perdite, tra acquedotti e tubature: il 29% dei 50 milioni di metri cubi d’acqua consumati ogni anno in provincia. L’uso potabile dell’acqua a disposizione è attestato all’1%.

Danilo Ferrer | Trentino, 30 giugno 2019

In via del Suffragio i libri diventano protagonisti

Sotto i portici di via del Suffragio s’è tenuta la seconda edizione del Mercatino dei Libri Usati promossa dall’associazione Mercatino delle Pulci in collaborazione col Comune. Tanti libri usati non si vedevano dall’iniziativa organizzata dalla libreria di San Martino “due punti” (dove però si potevano gratuitamente scambiare o prendere).

PA.PI. | Trentino, 30 giugno 2019 

•  Universitari e richiedenti asilo: incontro a teatro

Venerdì 5 luglio ci sarà la quarta tappa del percorso di teatro sociale “Ascoltare i silenzi” al Teatro Sanbàpolis, alle 20.30, ossia lo spettacolo “Birds”. Il percorso nasce dall’incontro dei richiedenti asilo della Residenza Fersina e alcuni studenti universitari, con lo scopo di raccontare le esperienze vissute dai primi (per informazioni info@giocodeglispecchi.org).

Trentino, 1 luglio 2019

•  Eco-imballaggi dagli abiti usati

Un successo per Giulia De Rossi, giovane vicentina laureata a Padova: la start-up (insediata a Rovereto negli spazi di Trentino Sviluppo) che produce imballaggi da abiti usati e materiali di recupero, a marchio NaZeNa. Recentemente ha vinto il premio D2T nell’ambito di Progetto Manifattura 2019. «Tutto è partito durante una vacanza in Puglia: la spiaggia era piena di rifiuti e ho iniziato a pensare come ridurre la plastica in circolazione».

Luisa Pizzini | l’Adige, 1 luglio 2019

•  Colonnine elettriche firmate coop

Un nuovo accordo tra Cooperazione trentina e Dolomiti Energia Holding prevede l’installazione di 80 colonnine per ricarica di automobile e 40 per ricarica di bicicletta.

Daniele Benfanti | l’Adige, 2 luglio 2019

•  «Salvataggio legittimo, poi alcune violazioni» – intervista al professor Giuseppe Nesi sul caso Sea Watch

Il professore di Diritto Internazionale presso l’Università di Trento Giuseppe Nesi sul caso Sea Watch, che occupa la cronaca nazionale e internazionale, afferma che l’aver salvato uomini e donne bisognose di soccorso in una zona non sottoposta ad alcuna giurisdizione rispetta la normativa internazionale in vigore – la quale prevede tra l’altro di muoversi verso il porto sicuro più vicino, in una zona dove la Tunisia e la Libia non sono ritenute mete sicure (quest’ultima anche dal Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi) e la scelta ricade su chi risponde tra Malta e Italia (secondo i trattati non sarebbe potuta andare in Olanda, pur battendo bandiera olandese). Sulle modalità di ingresso in acque italiane – momento scisso dal salvataggio in mare – ci sono state probabilmente delle violazioni, ma ad accertarlo saranno i giudici. La compartecipazione nel traffico di persone tra ONG e criminalità organizzata è stata cercata da molti, ma dimostrata da nessuno. La vicenda della foto segnaletica del capitano Carola Rackete, diffusa da un organo di polizia sul blog russo, «rappresenta una violazione gravissima dei diritti dell’uomo».

Matteo Lunelli | l’Adige, 3 luglio 2019

•  Da lunedì i “vigilantes” armati. In centro dalle 15 alle 23

Si tratta di 8 “custodi del quartiere” che potranno ricevere segnalazioni, valutarle e trasmetterle alla Polizia Locale, e avranno compito di vigilanza e sorveglianza (turni 15.00 – 19.00 e 19.00 – 23.00) nelle zone (1) di Torre Vanga – via Pozzo – via delle Orfane – piazza Santa Maria Maggiore – via Santa Margherita – via Tommaso Gar e (2) di largo Carducci – via Santa Maria Maddalena – via Dietro le Mura – via dei Ventuno – via Marchetti – parco San Marco – via San Pietro – via Suffragio. L’unica azienda a rispondere al bando del Comune (50 mila euro finanziati dalla Provincia) è stata l’altoatesina “Cittadini dell’ordine”.

Jacopo Strapparava | Trentino, 4 luglio 2019

•  Basta corse giù dal treno per obliterare il biglietto

Gli studenti dell’Università di Trento che viaggiano in direzione Verona o Borgo Valsugana – con l’Open Move messo a disposizione dal servizio di trasporti attraverso il “contributo per la libera circolazione” di 50 euro – non dovranno più obliterare alle fermate che delimitano la provincia di Trento, se continuano il viaggio. Fino a settembre 2019 è comunque consigliabile avvertire il capotreno. L’intesa è stata pensata per gli studenti di scuola secondaria, ma dovrebbe valere anche per gli universitari.

Camilla Madinelli | L’Arena, 25 giugno 2019 (notizia confermata da l’Universitario il 5 luglio 2019)

•  Maxi stazione di servizio a Trento Nord

L’azienda trentina Delta Energy – specializzata in lubrificanti e carburanti, che s’è occupata anche di punti di ricarica per auto elettriche a Martignano – ha investito 5 milioni di euro per la realizzazione entro settembre di una nuova area di servizio, fornita di carburante tradizionale, metano, colonnine elettriche e Gnl (gas naturale liquefatto per camion e tir).

Francesco Terreri | l’Adige, 5 luglio 2019

•  Il latte sullo smartphone

Tramite una “applicazione operativa” (chatbot) dell’applicazione Telegram dal nome Concastbot, realizzata dall’azienda trentina Hi-Logic, gli allevatori soci dei caseifici avranno accesso ai dati su analisi del latte, capi di allevamento con valori non conformi, mangimi autorizzati e alla classifica sulla qualità del latte (che determina il presso di quest’ultimo).

Elena Nicolussi Giacomaz | l’Adige, 5 luglio 2019

Francesco Desimine

Diplomato presso il Liceo Classico "Quinto Orazio Flacco" di Bari, frequenta il corso di Giurisprudenza Internazionale, Transnazionale e Comparata presso la facoltà di Trento. Appassionato di filosofia, sociologia, attualità nazionale e internazionale, geopolitica e sistemi agroalimentari. È stato uno dei fondatori della testata, membro del Collegio dei Probiviri, redattore e caporedattore della sezione Attualità de l'Universitario, dopodiché Presidente dell'associazione editrice del giornale.

More Posts - Website